Fai Squadra Con Noi

Serie D: Muggia cade in casa, al PalAquilinia si impone l’Alba Cormons

Interclub – U.S. Alba Cormons 62-84 (9-20;26-42;46-64)
Interclub: Schillani 2, Rebelli 15, Manuelli I. 2, Manuelli S., Zampa, Tonut 17, Lavince 22, Sodomaco 2, Liessi, Albanese, Grasso 2. All.: Gregori
U.S. Alba Cormons: Cucut 7, Mazzitelli, Contin 3, Vassallo 7, Gaggioli 8, Mocchiutti, Silvestri 19, Coceani 12, Scaduto 2, Diviach 9, Raccaro 17. All.: Cittadini
 
Gara quasi a senso unico tra Interclub e Alba Cormons con la seconda forza del campionato che espugna meritatamente il PalAquilinia, alla formazione di casa va comunque riservato l’onore delle armi per quanto espresso sul campo, la dimostrazione di sapere lottare sino in fondo dinanzi ad un’avversaria dotata dell’esperienza necessaria a navigare nelle zone alte della classifica non è di certo cosa da poco se sommata all’età media dei rivieraschi che ricordiamo è tra le più basse della serie D.
Gli ospiti partono subito forte e dopo 3′ si trovano già avanti di 5 lunghezze (4-9), dalla parte opposta Muggia non appare tranquilla, le diverse conclusioni sbagliate dalla media distanza causa la volontà di accelerare la manovra di gioco non produce l’esito sperato, nonostante ciò i ragazzi di coach Gregori mantengono il gap pressoché costante sui biancorossi sino alla metà del periodo (7-13) grazie al duo Rebelli-Tonut, l’Alba tenta l’allungo e lo fa con buone percentuali sia nel tiro da 2 che dalla lunetta con Cucut e Vassallo, una conclusione di Tonut sul finire del primo quarto determina il +9 (11-20) in favore di Cormons.
Le redini della gara sono sempre in mano della squadra di coach Cittadini che amplia in maniera costante il divario su un Interclub che trova nelle individualità la propria ancora di salvataggio: Lavince (top scorer dell’incontro, alla fine saranno 22 i punti messi a segno dall’ala rivierasca) e l’asse Tonut-Rebelli rendono di fatto meno pesante il passivo alla conclusione del secondo periodo (26-42) dove Muggia dalla linea della carità ha mancato, spesso, di precisione realizzando percentuali nettamente inferiori alla propria media.
Nella ripresa il quintetto rivierasco entra in campo con piglio deciso e piazza nell’arco di 3′ un break di 9-2 (37-44) utile a riaprire le sorti del match, due bombe consecutive messe a bersaglio da capitan Coceani permettono a Cormons di rifiatare e dare la spallata decisiva all’incontro grazie soprattutto alla maggiore fisicità espressa sotto le plance con Raccaro vera spina nel fianco della difesa muggesana, si giunge così al termine del terzo periodo con l’Alba avanti di 18 lunghezze (46-64).
Nell’ultimo quarto la partita non cambia di sostanza: Cormons aumenta lo strappo incrementando il proprio bottino -anche con una serie di triple- sino a toccare il +22 (62-84) finale.
Queste le parole del tecnico rivierasco: “Gli avversari ci sono stati superiori sia livello fisico che di esperienza, siamo comunque sulla strada giusta per costruire tutti assieme qualcosa di positivo”.
(Ph: Max Ros Photo)

Lascia un commento