Fai Squadra Con Noi

Serie B: l’Interclub cade in casa, al PalAquilinia passa Pordenone

Interclub – G&G International Pn 62-84 (19-20;35-47;46-71)
Interclub: Giustolisi, Silli 12, Battistel 5, Mervich 6, Predonzani 2, Dimitrijevic 4, Fumis 5, Miccoli Co. 24, Miccoli Ca., Florit 4, Castagna, Mezgec. All.: Mura
G&G International Pn: Cella, Grattini 12, Leonardi 15, Gregori 14, D’este 2, Recanati 13, Camporeale 4, Stangherlin 2, Jankovic, Meldere 22. All.: Da Preda
 
Dura poco più di 20′ l’equilibrio tra l’Interclub e la G&G International con le ospiti a piazzare l’allungo decisivo nella seconda metà della terza frazione dove Pordenone ha fatto valere il maggiore tasso tecnico e fisico utile ad incrementare il divario in maniera piuttosto consistente, alle rivierasche va comunque dato atto di non avere mai mollato la presa, prova ne sia la buona reazione avuta nel finale a ridurre il passivo ad un livello più contenuto.
L’approccio alla gara da parte di Muggia è positivo come la partenza che vede le padrone di casa portarsi sul +5 (9-4) alla metà della prima frazione con il coach ospite costretto a chiamare il minuto di sospensione per spezzare il ritmo alla partita, mossa questa che si dimostrerà alquanto fruttifera per le pordenonesi nel mettere un break favorevole a pareggiare la contesa (9-9) di un equilibrio che si rivelerà costante sino alla conclusione del primo quarto (19-20).
La gara viaggia sullo stesso binario sino al 16′ (27-28) quando il duo Leonardi-Gregori sigla un parziale di 9-0 (27-37), l’Interclub accusa il colpo sotto canestro e nelle ripartenze avversarie mancando della giusta lucidità atta a contenere il ritmo della formazione pordenonese che così allunga il divario sino a portarsi avanti di 12 lunghezze alla fine del secondo periodo (35-47).
Quanto di buono concretizzato in difesa nell’avvio del terzo quarto da Muggia non viene altresì trasformato in punti, ad approfittarne sono così le avversarie con la Meldere a mettersi in particolare evidenza sotto le plance e Gregori, ex di turno, a piazzare 2 bombe consecutive (44-69), il quarto si conclude con il 2/2 dalla lunetta di Leonardi seguito dal canestro di Fumis (46-71).
A questo punto la gara ha poco da dire sotto l’aspetto del risultato (Pordenone toccherà il +29: 50-79 al 36′) se non per la buona reazione d’orgoglio delle rivierasche capaci di produrre nei minuti finali un parziale di 12-0 (62-79) utile ad arginare in parte lo strappo prodotto dalle ospiti (62-84).
“Senza dubbio questa era una gara difficile da affrontare -spiega coach Mura- soprattutto per la maggiore fisicità espressa dalle avversarie sotto canestro, la squadra però ha dimostrato con il giusto atteggiamento di sapere lottare per tutti i 40′ gettandosi su ogni pallone. La reazione, dopo le 2 sconfitte precedenti subite contro Treviso e Oma, nel complesso, almeno a livello mentale è stata buona. Da questo punto dobbiamo ripartire cercando di fare risultato già da sabato prossimo in una gara fondamentale per il proseguo del nostro campionato”.
(Foto: Max Ros Photo)

Lascia un commento