Fai Squadra Con Noi

Serie B: coach Andrea Mura riconfermato alla guida tecnica della prima squadra

La Pallacanestro Interclub Muggia comunica d’aver confermato quale guida tecnica della propria formazione di serie B femminile coach Andrea Mura anche per la stagione sportiva 2018/19.
Nell’intervista a 360° con il tecnico rivierasco abbiamo toccato diversi punti, dalla stagione appena conclusa agli aneddoti di un gruppo speciale sino a giungere ai programmi futuri.
 
Coach, tracciamo un bilancio generale sulla stagione da poco conclusa…
Pur con ancora l’amaro in bocca per la cocente sconfitta di Moncalieri non posso che essere estremamente soddisfatto della stagione da poco conclusa. Non siamo riusciti a mettere la classica ciliegina, ma la torta che abbiamo preparato da agosto a maggio resta di ottima fattura. Ad inizio stagione ci siamo ritrovati privi di tre giocatrici del quintetto e con tante scommesse. Lo scorso 6 gennaio dopo la vittoria casalinga contro Bolzano, la squadra partita con i punti di domanda, si è guadagnata la testa solitaria della classifica. Il successivo innesto di Vida ha elevato il tasso tecnico del roster e abbiamo potuto mettere il turbo al processo di crescita di tutto il gruppo. La qualità del lavoro degli ultimi mesi è stata eccellente e questo per merito delle ragazze che dal primo all’ultimo giorno hanno lavorato in maniera fantastica. Come siamo consapevoli di non aver centrato l’obiettivo, lo siamo altrettanto di avere fatto un grande percorso in cui tutti hanno dato il loro contributo.
C’è qualche aneddoto particolare, o divertente, che ci vuoi raccontare?
Per fortuna di aneddoti divertenti ce ne sono parecchi, ma quelli sono nostri e restano nello spogliatoio! Pur facendo le cose con grande serietà e professionalità abbiamo cercato di mantenere sempre un clima sereno ed io personalmente mi sono divertito un sacco. Ho avuto la fortuna di avere in palestra uno staff fantastico e delle giocatrici davvero “sgaie” ed anche per questo la stagione è stata splendida.
Dopo tante stagioni dove hai allenato esclusivamente squadre maschili quest’anno sei passato al femminile, quali differenze hai riscontrato?
Sinceramente non mi sono mai posto il problema di allenare in maniera diversa le femmine rispetto ai maschi. Un allenatore deve andare in palestra e nel minore tempo possibile capire come adattare le proprie idee alle caratteristiche dei giocatori che ha a disposizione in modo che questi possano rendere al meglio. Per quanto forse possa sembrare strano sono stato più psicologo con i maschi, mentre quest’anno ho dovuto essere estremamente pragmatico e concreto.
Quali obiettivi ti sei dato a medio-lungo termine?
Ho avuto la fortuna di ereditare un gruppo preparato benissimo da Nevio Giuliani con l’obiettivo non di cambiare ma di implementare quanto fatto. Ogni singolo giorno bisogna aggiungere qualcosa e questa idea ci deve guidare anche la prossima stagione. Sono fermamente convinto che quanto fatto quest’anno non è andato perduto a Moncalieri ma sarà la base da cui ripartire. Abbiamo la fortuna di avere un gruppo giovane, in crescita, lo dimostrano i numeri prodotti delle singole giocatrici quest’anno, e motivato ad andare avanti.
Quale messaggio vuoi lanciare ai tifosi di fede rivierasca?
Sono sicuro che anche la prossima stagione tutti i componenti della “Famiglia Interclub” saranno orgogliosi delle nostre ragazze.

Lascia un commento