News

Serie B: Interclub - Treviso 69-64

Interclub - CB Stampi Treviso 69-64 (23-19;46-31;53-48)

Interclub: Samez 3, Castelletto 14, Giustolisi 3, Silli 25, Santoro, Mervich 12, Mezgec, Gatti 6, Miccoli 4, Piemonte, Robba, Vesnaver 2. All.: Giuliani

CB Stampi Treviso: Dalla Riva 1, Diodati 26, Gasparini, Zanatta C. 2, Schiavon 14, Pizzolato 6, Devetta, Grigoletto 4, Gini 3, Rossetto 8, Perocco, Zanatta F. All.: Montelatici

 

Dopo la convincente prestazione fornita sette giorni prima in quel di Bolzano, dove a più riprese l'Interclub è andata vicina a fare il colpaccio, la formazione di coach Giuliani era attesa da una conferma contro Treviso e per quanto emerso al PalAquilinia possiamo affermare che la crescita, soprattutto a livello mentale, c'è stata: il sapere gestire al meglio un finale punto a punto, avendo di fronte un'avversaria tosta come quella veneta, non è frutto della casualità ma dell'ottimo lavoro svolto durante la stagione dallo staff tecnico che con il passare delle giornate sta vedendo la squadra maturare su diversi aspetti tra cui quello caratteriale elemento certamente utile, se non fondamentale, per centrare l'obiettivo salvezza.

La cronaca. Muggia parte forte tanto da doppiare nel punteggio l'avversaria nell'arco dei primi 3' di gioco (12-6) per uno strappo che si va ad incrementare ulteriormente con la tripla messa a bersaglio da Silli (20-11) al 6', Treviso prova ad accorciare ma la difesa delle rivierasche concede pochi spazi di manovra alle venete che solo nella parte finale del quarto riescono parzialmente a colmare il divario. La prima frazione si chiude con l'Interclub avanti di 4 punti (23-19).

Di fatto le cose non cambiano nel secondo quarto con Giustolisi dalla lunetta a siglare il vantaggio in doppia cifra (29-19) al 23', Muggia gestisce senza particolari patemi la gara e grazie a delle buone percentuali realizzative prende il largo tanto da toccare il massimo vantaggio (+15) all'intervallo lungo (46-31).

La ripresa si apre con un break favorevole (8-2) alle ospiti (48-39), l'Interclub allunga nuovamente con la coppia Silli-Mervich a fissare il +12 (53-41) al 27', a questo punto sulle padrone di casa si abbatte un black out out offensivo e ad approfittarne sono le venete che trovano un parziale (7-0) utile a riaprire le sorti dell'incontro a 10' dalla conclusione (53-48).

Tutto da rifare, o quasi, per l'Interclub che al 34' viene prima raggiunta (57-57) da una bomba della Diodati e 1' più tardi superata (59-61) dal canestro di Pizzolato. La gara si incanala sul filo dell'equilibrio sino a poco meno di 2' dal termine: Silli dalla lunetta fa 2/2 (65-63), dal versante opposto Pizzolato ne mette 1/2 (65-64) a 1'15'' dalla sirena, non si segna sino a 6'' dal termine quando la Grigoletto commette fallo sistematico sulla Castelleto che dalla linea della carità non sbaglia (67-64), 2'' più tardi si ripete la stessa “trama” e anche in questo caso la numero 9 muggesana realizza ambo i liberi (69-64) decretando così il primo successo nerazzurro del 2020.

Queste le parole di coach Giuliani: “E' stata una bella vittoria, nei primi due quarti abbiamo giocato molto bene soprattutto in attacco per poi calare al rientro dall'intervallo dove si è sofferta un po' troppo l'intensità difensiva di Treviso. Nell'ultimo periodo quando siamo andati sotto di due punti le ragazze hanno avuto, a differenza del passato, forza e capacità necessarie a ribaltare il risultato, segnale senza dubbio positivo già emerso in parte a Bolzano con la squadra che in quell'occasione aveva disputato un match alla pari delle altoatesine come del resto fatto oggi contro Treviso. Passate queste prime due gare del girone di ritorno, che le reputo delle “finali”, ora ci proiettiamo alla terza in programma domenica prossima a Casarsa”.