News

Serie B: Oma - Interclub 44-59

Emt Oma Trieste - Interclub 44-59 (7-20;20-28;33-47)

Emt Oma Trieste: Bardi, Giorgesi E., Tobou 5, De Barba 7, Bincoletto, Baroncini 14, Manzin, Giorgesi L. 6, Giacomello, Zanelli 12. All.: Pelizon

Interclub: Samez 6, Castelletto 12, Giustolisi 3, Silli 15, Sustersich 12, Mervich 5, Dimitrijevic, Mezgec, Miccoli 2, Castagna 1, Robba 3, Vesnaver. All.: Giuliani

 

L'Interclub fa suo il derby ma sotto il profilo del gioco e della determinazione compie un passo indietro rispetto alle ultime uscite, le rivierasche hanno sempre mantenuto il pallino del gioco dalla loro anche se non hanno avuto la lucidità necessaria a chiudere anticipatamente le sorti dell'incontro mantenendolo vivo sino alla metà dell'ultima frazione.

L'avvio è tutto di marca rivierasca con le ospiti a prendere il largo in maniera progressiva, nonostante i diversi errori sotto le plance e nei contropiedi Muggia trova i punti del vantaggio grazie al trio Silli-Castelletto-Sustersich, il primo quarto si chiude con l'Interclub sul +13 (7-20).

La sostanza non cambia nel periodo seguente con la formazione di coach Giuliani a controllare senza particolari patemi il match, un canestro a fil di sirena della Baroncini riduce la distanza tra le 2 squadre al di sotto della doppia cifra (20-28).

Il momento migliore Muggia lo trova alla ripresa delle ostilità dove incrementa il divario grazie a delle grossolane ingenuità difensive da parte giallonera che le permette così di allungare sino a toccare il +16 (25-41), alla penultima sirena 14 sono i punti che separano le 2 formazioni (33-47).

Tre bombe consecutive della Zanelli, inframezzate dal canestro di Giustolisi, aprono l'ultimo periodo (42-49) ma questa di fatto sarà l'ultima fiammata dell'Oma in quanto le muggesane reagiscono prontamente trovando l'allungo definitivo con l'asse Silli-Castelletto a chiudere definitivamente la contesa (44-59).

Chiara l'analisi di coach Giuliani: “L'unica cosa da salvare sono i 2 punti, come ho elogiato l'intero gruppo contro il Futurosa per la grinta e determinazione messa in campo oggi devo invece dare una tiratina d'orecchi alla squadra che ha dimostrato poca umiltà svolgendo di fatto il classico compitino, purtroppo poi è inevitabile che ne paghi le conseguenze sotto il profilo degli errori. Nel complesso in difesa abbiamo tenuto mentre sul piano offensivo è stato fatto il minimo indispensabile”.