News

Serie D: San Vito - Interclub 54-66

San Vito Pallacanestro - Interclub 54-66 (9-17;22-29;40-44;54-66)

San Vito Pallacanestro: Valenti 3, Viller 4, Schwagel 4, Ruzzier 3, Coretti 16, Minervini 4, Perentin, De Petris 2, Prato ne., Moscolin 6, Suzzi 4, Delise 8. All.: Morelli

Interclub: Gelleni 8, Rebelli 14, Lavince M. 2, Manuelli S. 7, Zampa 6, Tonut 12, Bembich 4, Sodomaco, Rakic 6, Bernich ne., Caineri 7, Bassi. All.: Gregori

 

L'Interclub inaugura il campionato nel migliore dei modi e lo fa andando ad espugnare con autorità il parquet del San Vito.

L'avvio vede subito i rivieraschi mettersi in evidenza, a prevalere è infatti l'ottima difesa che pochi spazi concede al quintetto di casa: dopo 6' di gioco il tabellone indica 1-9, solo alcuni errori dalla lunetta e qualche pallone perso di troppo mantengono il divario tra le due contendenti entro termini accettabili.

Coach Morelli a questo punto decide di passare a zona, tale mossa limita le iniziative del duo Gelleni-Tonut e questo, in maniera graduale, inizia ad avere effetto sulla fluidità del gioco muggesano in quanto la parziale mancanza del giusto bilanciamento in fase offensiva offre il fianco a dei contropiedi gialloneri che mitigano, in parte, la cattiva giornata al tiro.

Una situazione falli non del tutto rosea costringe pure Muggia ad abbandonare la difesa individuale limitando le penetrazioni di Coretti & Co. a scapito del controllo a rimbalzo. La rimonta del San Vito diventa lenta ma continua, l'ottima vena di Rebelli la contiene però sempre ad almeno due possessi di distanza sino agli ultimi 3 giri di cronometro: nel finale una ritrovata determinazione difensiva consente all'Interclub di distendersi in contropiede azione che di fatto le permette di conquistare i primi due punti stagionali.

La prestazione offrirà sicuramente buoni spunti per il lavoro futuro anche se spiace segnalare il brutto infortunio al tendine d'Achille di Bassi che prevedibilmente lo terrà a lungo lontano dal campo.

“Sono soddisfatto della vittoria -commenta a fine gara coach Gregori- ovviamente rimane il grande rammarico per l'infortunio capitato a Bassi. Abbiamo affrontato un'avversaria senza dubbio ostica, siamo stati comunque bravi a non perdere la ragione neppure quando loro si sono avvicinati nel punteggio. Sono convinto che nel complesso ci aspetterà un campionato tosto e molto combattuto dove, al momento, non si vedono ne corazzate e ne squadre materasso”.